Basta sosta vietata all’ospedale  A Montano arrivano i paletti
Le auto posteggiate in divieto nei pressi dell’ospedale, nel territorio di Montano Lucino

Basta sosta vietata all’ospedale

A Montano arrivano i paletti

Non sarà più possibile lasciare le auto sul prato in via Lovesana: oltre agli archetti di metallo ci saranno anche cartelli a tutela della ciclopedonale

Tempo scaduto per chi parcheggia l’auto nel prato lungo via Lovesana, la strada che porta all’ospedale Sant’Anna. Ed anche per chi sale con la vettura sulla ciclopedonale. A poco valgono le sanzioni che piovono spesso sulla zona: si continua a posteggiare dove non si può.

Ogni giorno, a tutte le ore, ci sono una dozzina di auto dove non dovrebbero stare, anche a costo di pagare cara quella sosta. Piuttosto che sborsare un massimo di 4 euro al giorno per posteggiare nei parcheggi gestiti dal Comune di San Fermo, c’è chi preferisce tentare la sorte e lasciare la vettura o d’intralcio per chi cammina sul marciapiede o impantanata nel fango dello spazio terroso di proprietà di un contadino.

Poi passano i vigili di Montano e mettono la multa che è più di 10 volte il prezzo massimo che si pagherebbe mettendo l’auto nel parcheggio autorizzato.

«I lavori di rifacimento della segnaletica orizzontale e verticale sulla via Lovesana sono slittati di qualche giorno per il maltempo, inizieranno la prossima settimana – commenta Milko Tagliabue, comandante della polizia locale di Montano Lucino – non ci siamo certo dimenticati, anzi, abbiamo pensato che con l’occasione si regolerà meglio l’entrata ed uscita del parcheggio dirigenti - quello che dà sulla rotatoria dove c’è l’ingresso al Pronto Soccorso ndr - e si metteranno più cartelli sulla ciclopedonale in cui si specifica per bene il divieto di sosta e rimozione coatta».

«Per impedire l’accesso all’area prato - la zona dove posteggiano abusivamente all’altezza della cascina dei Tre Camini, ndr - metteremo tre archetti da 120 centimetri – aggiunge il comandante – so che la cosa non piacerà, ma molti nemici, molto onore».

© RIPRODUZIONE RISERVATA