Cani e gatti abbandonati  Già 34 casi ad agosto
Fiammetta, salvata dai pompieri nella galleria di Cernobbio

Cani e gatti abbandonati

Già 34 casi ad agosto

L’Enpa lancia l’allarme: venti giorni di emergenza in tutta la provincia, sono soprattutto cuccioli quelli salvati da volontari e pompieri. Gli ultimi casi a Grandate e Cernobbio

È allarme abbandono per gli animali da compagnia: da inizio agosto l’Enpa Como (ente nazionale protezione animali), attraverso l’azione operativa di Marco Marelli, ha soccorso e salvato 34 tra cani e gatti investiti e non soccorsi o gettati nell’immondizia, come il caso del gattino Nemo di appena pochi giorni, buttato nel sacco della spazzatura e lasciato su una strada di Grandate domenica sera.

Storie di animali che subiscono le angherie di gente senza scrupoli che tratta gli esseri viventi come cose di cui ci si può sbarazzare quando più fa comodo. Ogni storia è a sé e racconta di vite di animali che riescono a farcela grazie ad altre persone, come Marelli che li soccorre, o come la signora che si è subito proposta di accudire il piccolo gattino a cui ha dato il nome di Nemo. Dal primo agosto ad oggi, quindi in soli 20 giorni, sono stati 34 casi di animali abbandonati e salvati.

I casi riguardano soprattutto l’area dei paesi della cintura urbana e poi verso Cadorago e Turate. L’ultimo episodio è del 18 agosto, riguarda appunto il gattino Nemo trovato a Grandate. Prima di Ferragosto è stata clamorosa la storia della gattina Fiammetta, la cucciola di un mese che è stata lanciata da un’auto in corsa nella galleria di Cernobbio. La sua storia ha fatto indignare tutti, e la cucciola è stata salvata dai Vigili del fuoco ed ora abita a Como.


© RIPRODUZIONE RISERVATA