Centro sportivo,  soldi a Casnate  È corsa contro il tempo per il progetto
Una veduta aerea del “Renato Rossi”, ormai chiuso da due anni e bisognoso di una ristrutturazione

Centro sportivo, soldi a Casnate

È corsa contro il tempo per il progetto

La Regione ha stanziato 150mila euro, spendibili entro fine anno. Per la Vigilia di Natale saranno pronti i disegni, poi a gennaio il via ai lavori sugli impianti

Corsa contro il tempo per incassare 150mila euro dalla Regione per riaprire il centro sportivo Renato Rossi. In pratica il progetto per riqualificare il grande impianto di Casnate con Bernate è atteso sotto l’albero per la vigilia di Natale.

Nella giornata di giovedì scorso l’amministrazione comunale ha ricevuto notifica dalla Regione Lombardia per essere stata premiata da un bando, con risorse spendibili a fondo perso, relativo agli impianti sportivi da migliorare.

Casnate ha ottenuto la massima cifra ottenibile, 150mila euro. Non è una somma di poco conto anche a fronte dell’imponente finanziamento deciso dal Comune per ridare lustro al cento sportivo chiuso da più di due anni. In totale verranno spesi un milione e 300mila euro, quindi il bando regionale pesa per l’11%.

Il problema, burocraticamente parlando, è che queste risorse regionali devono essere incassate entro fine anno.

«Sì, bisogna fare in fretta – spiega il consigliere comunale di maggioranza Flavio Iannella che ha sempre seguito il capitolo del Renato Rossi – una parte delle liquidità deve essere versata nel 2018. Ma comunque gli uffici hanno sempre lavorato bene e con una variazione di giunta riusciremo a incassare questo fondo a giorni, già ieri mattina il segretario generale ha trovato il giusto capitolo dove inserire le risorse».

L’obiettivo, dopo due anni di chiusura del Renato Rossi e tanto degrado lasciato tra i campi da gioco, è aprire i cantieri nei primi mesi del nuovo anno e far ripartire le attività in tempo per la stagione sportiva 2019-2020. I 35mila metri quadrati del Renato Rossi aspettano un importante ridisegno: bisogna rifare la pista d’atletica, il manto erboso del campo da calcio, i “palloni” dei campi da tennis. Inoltre si vogliono realizzare altri campi per accogliere più discipline sportive, paddle compreso. Infine anche spogliatoi, tribune e recinzioni verranno sistemati.


© RIPRODUZIONE RISERVATA