Cernobbio, chiude il bar L’Onda  Concessione scaduta, locale chiuso
La squadra dell’Aiax ai tavolini dell’Onda qualche anno fa

Cernobbio, chiude il bar L’Onda

Concessione scaduta, locale chiuso

In molti pensavano a una nuova proroga, ma non è andata così. La conferma dai gestori de L’Onda che hanno comunicato la chiusura

In molti pensavano a una nuova proroga, ma non è andata così. La conferma dai gestori de L’Onda che hanno comunicato ai propri clienti che la struttura resterà chiusa. Il motivo? La scadenza della concessione comunale, ma anche della proroga concessa lo scorso aprile.

Il sindaco Matteo Monti spiega: «A breve il nuovo bando che punta a riqualificare l’area. La Riva è per noi strategica, ecco perché abbiamo stanziato risorse anche per la sistemazione della fontana e del verde».

Sul web intanto il dispiacere di chi per molto tempo ha portato avanti l’attività.

La questione del bando intanto, ancora una volta, diventa motivo di scontro tra maggioranza e opposizione.

Il diritto di superficie, dopo 30 anni, era in scadenza lo scorso 10 giugno. Ad aprile 2018 la giunta dell’ex sindaco Paolo Furgoni aveva portato in consiglio comunale la proposta di posticipare il tutto al 31 dicembre. Una decisione che aveva trovato anche il “si” della minoranza e voto unanime. In quel occasione l’ex consigliere Aldo Ferraris, ma anche l’attuale sindaco, Matteo Monti – all’epoca in minoranza – avevano espresso critiche per lo slittare dei tempi. Oggi è la minoranza dell’ex sindaco Paolo Furgoni, a criticare i ritardi della giunta di Monti.

«Uno storico punto di riferimento per cittadini e turisti chiude senza che ci siano garanzie sulle tempistiche per la sua riapertura. Anche se il nuovo bando uscisse domani saremmo comunque fuori tempo massimo – commenta Furgoni-. La proroga della concessione voluta dalla nostra amministrazione mirava a non interrompere l’attività nel corso della stagione 2018, garantire alla nuova amministrazione il tempo per un bando adeguato e consentire la salvaguardia della stagione turistica 2019».


© RIPRODUZIONE RISERVATA