Fino Mornasco, l’ex Bosetti   ceduta a due imprenditori tessili
Una vista dell’interno dell’ex Bosetti, in stato di abbandono ormai da anni: vi lavoravano cento persone

Fino Mornasco, l’ex Bosetti

ceduta a due imprenditori tessili

La storica azienda fallita nel 2013 acquistata all’asta da una società di Treviso e una dell’Alto Lago. Il curatore: «Tocca a loro decidere che cosa farne»

L’ex Bosetti torna nelle mani degli imprenditori tessili. La vecchia fabbrica fallita nel 2013 in centro a Fino Mornasco è stata definitivamente acquistata dai grandi marchi dei filati e dell’alta moda. Durante l’ultima asta fallimentare organizzata al tribunale di Como è stata assegnata anche la porzione della tessitura ancora vuota, gli shed, con i tipici tetti a punta, la parte produttiva. Sono 2500 metri quadrati battuti ad un prezzo pari a 247mila euro, la base d’asta era fissata a 330mila, le prime stime valutavano invece il bene in 585mila euro.

Due lotti in cui era stata frazionata l’ex Bosetti, la parte degli uffici e dei magazzini, erano già stati venduti nel 2016 a due società in vista dell’acquisto dell’intero stabile. Una è l’Ongetta di Treviso, che ora ha investito anche sui capannoni centrali, come confermano dalla sede veneta, del resto in via Roma a Fino Mornasco hanno già aperto un primo sportello. L’altra realtà, altrettanto nota, arriva dall’alto lago, contattata la proprietà però, pur non smentendo la notizia, preferisce non commentare. Non è quindi impossibile che la vecchia fabbrica che torni ad aprire i suoi cancelli dopo quasi dieci anni dalla chiusura. Nulla però impedisce agli investitori di chiedere al Comune di trasformare l’area in commerciale, il piano regolatore lo permette. Il curatore spiega: «I compratori non hanno specificato quale sarà il futuro della Bosetti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA