Funicolare rovente, donna sta male  Atm corre ai ripari: oscurati i finestrini
Una pellicola scura sui vetri per abbassare il calore in funicolare

Funicolare rovente, donna sta male

Atm corre ai ripari: oscurati i finestrini

Sessantenne colta da malore durante la discesa da Brunate e portata in ospedale

Malore sulla funicolare per il caldo, e l’azienda oscura i vetri per cercare di riparare dal sole i passeggeri. Mercoledì, poco prima delle 13, una donna di sessant’anni si è sentita male scendendo da Brunate. L’allarme è scattato durante il viaggio verso Como e, una volta arrivati in piazza De Gasperi, la donna è stata soccorsa da un’ambulanza e portata al pronto soccorso dell’ospedale Valduce: per fortuna nulla di grave, la paziente è stata dimessa. Ma anche ieri i problemi non sono mancati, a causa del caldo sui vagoni: due anziani si sono sentiti mancare.

Il disagio è reale: la cabina che da piazza Alcide De Gasperi collega Brunate è invivibile. I viaggiatori scendono madidi di sudore. Sabato, termometro alla mano, a bordo c’erano 40 gradi. I finestrini sono chiusi, non c’è l’aria condizionata, sulla funicolare in questi giorni di afa si soffoca. E così, mercoledì, i vetri sono stati oscurati, sui finestrini della funicolare è stata applicata una pellicola nera anti sole. Non il massimo per il panorama, anche perché - ieri pomeriggio - molti passeggeri scendendo dalla funicolare hanno sottolineato come l’intervento non sia per nulla risolutivo sul fronte del caldo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA