Il cannone di Brunate   non spara (quasi) più
Francesco Guarisco da anni si occupa di preparare il cannone allo sparo di mezzogiorno

Il cannone di Brunate

non spara (quasi) più

Stanno finendo le munizioni per poterlo ricaricare e il rifornimento sta diventando molto complesso

L’altroieri il cannone di Brunate non ha fatto il consueto sparo quotidiano di mezzogiorno. Una domenica in cui nella città di Como a mezzogiorno sono risuonati i rintocchi delle campane delle chiese, il tutto in un silenzio insolito, a cui probabilmente ci si dovrà abituare.I

l cannone non ha sparato perché non è stato caricato. Il tradizionale sparo di mezzogiorno che dal 1912, quotidianamente, salvo contrattempi, ricorda a tutti i comaschi che è mezzodì, non ha fatto il suo botto dal balcone dello scambio della funicolare anche perché di cartucce ce ne sono poche e, probabilmente, terminate quelle che ci sono l’approvvigionamento non sarà facile, né tanto meno urgente o necessario.

«Abbiamo ancora cartucce per un paio di settimane, poi si vedrà, anche perché le cartucce del cannone non sono una prima necessità».


© RIPRODUZIONE RISERVATA