Il pianista sul lago ghiacciato  La musica magica di Martire
Alessandro Martire durante l’esibizione sul lago ghiacciato che si può vedere su YouTube

Il pianista sul lago ghiacciato

La musica magica di Martire

Nel giorno della festa della donna la prewiev e il giorno dopo la worldwide live performance trasmessa in tutto il mondo con un’anteprima passata da National Geographic. Le spettacolari performances di Alessandro Martire, 28 anni, seduto al pianoforte che diffonde la musica composta da lui in scenari naturali incantevoli non smette di stupire. Dal cuore del deserto in Oman, passando per l’aeroporto di Lugano, arrivando a St. Moritz, scenario dell’ultima impresa.

“Ice waves” è il nome di questa performance sul lago ghiacciato, un’atmosfera d’incanto in cui “Heart”, il brano di Alessandro Martire ha risuonato nel silenzio dello spazio ghiacciato e tra le montagne dell’Engadina. Il video può essere visto su Vevo e You Tube.

La musica di Alessandro Martire, il pianista e compositore comasco che oggi abita a Pellio Intelvi, è legatissima ai luoghi naturali e agli elementi di madre natura, come le onde. Onde leggere nei floating moving concerts sul nostro lago a Cernobbio in cui Alessandro suona il pianoforte viaggiando su una piattaforma galleggiante, onde ghiacciate a Lake Stez di Celerina e onda è la forma particolare data al suo pianoforte, uno strumento creato appositamente per lui e per essere portato sul lago ghiacciato a -25 gradi.

«L’avventura in alta montagna attira innumerevoli alpinisti per mettere alla prova il loro coraggio sulle montagne dell’Engadina e su altre vette delle Alpi svizzere – commenta Alessandro Martire - da quest’anno anche loro hanno un nuovo amico come me, il pianista dell’arrampicata. Il pianoforte sul lago ghiacciato e quel pianoforte uniscono una parte estetica alla musica, lo scenario era meraviglioso, prima di mettere il pianoforte è stata fatta la misurazione del ghiaccio per vedere se teneva e poteva sorreggere il piano».

La musica di Alessandro Martire è protagonista delle meravigliose riprese dell’area dell’Engadina, la musica viene accompagnata anche dallo scorrere dei pattini su ghiaccio di Felicitas Joy Fischer che fa altrettanti spettacolari volteggi. Il suono dei pattini è l’unico che ogni tanto interagisce con la musica.

Alessandro Martire è una delle anime della Scuola di musica Tilt, dell’associazione Infinity Sound che crea progetti tra musica ed inclusione, di Rock to flip, la frontiera della musica con le evoluzioni delle motociclette. Ideatore di The floating moving concerts, i concerti sulla piattaforma galleggiante lungo le rive del lago. (Paola Mascolo)


© RIPRODUZIONE RISERVATA