Maccio, acqua dall’altare del santuario  Il rettore: «Segni da non sottovalutare»
L’altare dal quale sarebbe uscita dell’acqua

Maccio, acqua dall’altare del santuario

Il rettore: «Segni da non sottovalutare»

Don Gigi Zuffellato: «L’ultima volta che avvenne era nell’ottobre nel 2017».

E proprio in questi giorni è arrivata in chiesa la statua della Madonna di Gallivaggio

Ancora acqua dal monoblocco di marmo nero dell’altare del santuario di Maccio.

Negli ultimi giorni l’altare è stato ritrovato con striature più scure ed è ancora trasudata acqua. Del fenomeno si è subito bisbigliato qualcosa in paese, entrando in chiesa e guardando l’altare si notano dei punti più scuri nel marmo. La conferma del nuovo episodio arriva anche da parte del parroco di Maccio e rettore del santuario diocesano della Santissima Trinità Misericordia, don Gigi Zuffellato: «Era da più di un anno che non ce ne si accorgeva – dice il sacerdote – l’ultima volta fu ad ottobre 2017, poi in questi giorni, io ero assente per un viaggio in Terra Santa, mi è stato riferito dell’acqua. Credo siano dei segni che confermano alcuni momenti particolari della vita della Chiesa, in questo caso mi limito a ricordare che a fine ottobre 2017 era stato fatto un pellegrinaggio a Gallivaggio e in concomitanza c’era stato l’ultimo episodio, prima del recente».

E proprio in questi giorni la statua della Madonna di Gallivaggio è presente all’interno del Santuario.

Tutti i dettagli sul quotidiano La Provincia in edicola sabato 24 novembre


© RIPRODUZIONE RISERVATA