Non c’è pace al Villa Park  Un altro ladro acrobata
Le palazzine del Villa Park sono sempre tenute sotto scacco dai ladri (Foto by archivio)

Non c’è pace al Villa Park

Un altro ladro acrobata

Sventata a Villa Guardia l’ennesima incursione nel complesso residenziale. I vicini l’hanno visto e lui è fuggito insieme al “palo” su un furgoncino azzurro

Ancora un ladro arrampicatore al Villa Park e ancora una volta un furto sventato per poco.Il malvivente era già riuscito ad entrare in uno degli appartamenti di via Tevere 16, al primo piano. La dinamica è sempre la stessa: si è arrampicato dal pluviale della palazzina nel lato interno, quello che dà sulla piazzetta incompleta e non illuminata da anni.

Lunedì sera, verso le 21.30 un signore del terzo piano stava con la moglie sul balcone a prendere aria per sopportare meglio il caldo di questi giorni. Ad un certo punto ha visto un uomo salire agilmente dal pluviale e saltare da lì sul balcone di un appartamento del primo piano.

«Dove vai?« ha chiesto il signore dal balcone. Risposta dell’arrampicatore: «Fatevi i ... vostri» e si è messo a scassinare la tapparella. Nel frattempo il signore ha allertato il vicino del secondo chiamandolo dal balcone «Corri che c’è il ladro» con tutta risposta il vicino: «Sto scendendo, l’ho visto!.

Tempo qualche secondo il malvivente, che era già riuscito ad aprire la porta finestra dell’appartamento preso di mira, è sceso di nuovo dal pluviale, sradicandolo dal muro e con un salto è scappato u un furgoncino azzurro, appostato con un complice.

Risultato: furto sventato, carabinieri allertati subito per i rilievi, ladro scappato e pluviale staccato. «È la terza volta che i ladri salgono al primo piano in quell’appartamento – osserva uno dei residenti di via Tevere – purtroppo qui è come Quarto Oggiaro, altro che Villa Park, il parco è proprio la nostra condanna: non è illuminato, non è ultimato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA