Pietro ha potuto nuotare nel lago  «Commossa dalla solidarietà»

Pietro ha potuto nuotare nel lago

«Commossa dalla solidarietà»

Lomazzo: il ragazzo autistico ha potuto coronare il suo piccolo sogno

«Il sindaco di Claino ci ha messo a disposizione una spiaggia isolata»

Pietro Di Guida, il ragazzo autistico di 24 anni di Lomazzo rimasto senza un posto dove nuotare, è potuto tornare a tuffarsi nella spiaggetta di Claino con Osteno. Lo ha fatto domenica pomeriggio, al termine di una commovente gara di solidarietà seguita all’appello lanciata dalla madre attraverso “La Provincia”.

«È andato tutto benissimo e lui è stato felicissimo di aver potuto coronare il suo sogno - commenta la mamma Susy Aiello - Ringrazio il sindaco Giovanni Bernasconi di Claino, che ci ha permesso di tornare alla spiaggia, e anche il capogruppo degli alpini di Claino che ci ha addirittura proposto un altro punto dove fare il bagno». Ieri infatti Giorgio Manzoni, che è anche vicepresidente della Canottieri Osteno, nonchè ex vicesindaco del comune di Claino per 10 anni, ha offerto la spiaggetta dove hanno la sede delle barche della Canottieri.

E quest’inverno Pietro potrebbe anche andare in piscina con l’associazione Invincible Diving di Cernobbio che si occupa di subacquea anche per ragazze/i con disabilità o anche con la Como Nuoto che offre dallo scorso anno la piscina della propria sede e i propri istruttori ai ragazzi dell’Associazione un Cuore per l’Autismo. Insomma, una gara di generosità che davvero ha commosso tutti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA