Sentiero per Ada Merini  Mille firme e tre eventi per la petizione
Una foto di Alda Merini a Como con le figlie Simona e Barbara

Sentiero per Ada Merini

Mille firme e tre eventi per la petizione

La proposta lanciata dal Premio internazionale di letteratura che si celebra a Brunate da sette edizioni, e dall’associazione Sentiero dei Sogni

«Si nasce non soltanto per morire / ma per camminare a lungo / con piedi che non conoscono dimora / e vanno oltre ogni montagna», scrisse Alda Merini nella raccolta “Padre mio” (Frassinelli, 2009). E dato che il papà della poetessa, Nemo, nacque a Brunate da un conte di Como, Giovanni Merini, e da una contadina brunatese, Maddalena Baserga, perché non intitolare ad Alda un tratto della mulattiera tra la città e il “Balcone sulle Alpi”, cogliendo il duplice obiettivo di ricordare una protagonista del Novecento italiano e di valorizzare un percorso storico?

Èla proposta lanciata dal Premio internazionale di letteratura Alda Merini, che si celebra a Brunate da sette edizioni, e dall’associazione Sentiero dei Sogni, nata proprio da questa mulattiera, lungo la quale nel 2016 prese il via il progetto “Passeggiate creative”. La petizione, pubblicata sulla piattaforma digitale Change, è già stata firmata da 815 persone e l’obiettivo è di arrivare a mille entro la fine della prossima settimana, quando si celebreranno, in rapida successione, il compleanno di Alda Merini nonché Giornata mondiale della poesia (giovedì 21), la premiazione del concorso letterario brunatese (sabato 23) e la quarta edizione della passeggiata poetica, questa volta da Brunate a Como (domenica 24).

Il testo della petizione, scritto da Pietro Berra, presidente sia di Sentiero dei Sogni che della giuria del Premio Merini, si può leggere e sottoscrivere a questo indirizzo internet: www.change.org/p/como-brunate-un-sentiero-per-alda-merini. «Lanciamo la proposta che il 1° novembre 2019, in occasione del decennale della morte della Merini - scrive Berra - le venga intitolato l’attuale “Sentierone per Como”, parte terminale della mulattiera che dal 1817 collega Como con Brunate e che attorno al 1880 fece conoscere i nonni della “poetessa dei Navigli”. Per la precisione, si propone di intitolarle il tratto della mulattiera che dal quattrocentesco eremo di San Donato (in territorio del Comune di Como) arriva fino alle prime case di Brunate, terminando a pochi metri da quella della famiglia Merini, dove nacque il padre di Alda, Nemo, e dove lei trascorse tanti bei momenti durante la giovinezza».


© RIPRODUZIONE RISERVATA