Sul ponte di Rovenna è allarme  «Ciclisti e pedoni ignorano i divieti»
I lavori in corso per sistemare il muro crollato a novembre

Sul ponte di Rovenna è allarme

«Ciclisti e pedoni ignorano i divieti»

Cernobbio, proseguono i lavori per rendere sicura la strada dopo il crollo di novembre.

A due mesi dalla frana di via Libertà a Cernobbio proseguono gli interventi per la sistemazione della strada. Dall’amministrazione e dalla polizia locale l’invito a pedoni e ciclisti a rispettare i divieti di transito sul ponte bailey.

Anche in questi giorni, infatti, le immagini delle videocamere hanno ripreso persone in sella alla due ruote o cittadini a piedi transitare nel tratto, nonostante le limitazioni.

Era il 20 novembre quando il cedimento di parte del muro di via Libertà ha isolato la frazione di Rovenna. Grazie alla posa di un ponte bailey, struttura militare adattata per via Libertà, la strada è stata riaperta al traffico a senso unico alternato regolato da semafori. La posa del ponte ha consentito da un lato di riaprire il tratto e dall’altro di proseguire con gli interventi di sistemazione della strada.

«Purtroppo più volte le telecamere hanno registrato la presenza di pedoni e di ciclisti in transito sul ponte – conferma Monti – ricordo che non si può passare a piedi o in bicicletta, si tratta di questioni di sicurezza». Il rischio, infatti, è che ciclisti e pedoni possano ritrovarsi nel senso opposto di marcia a quello delle auto in discesa o in salita, cogliendo impreparati gli automobilisti.

.


© RIPRODUZIONE RISERVATA