Vertice con il prefetto dopo le proteste  A Campione il commissario arriva davvero
La protesta di Campione della scorsa settimana con le catene all’Arco della Pace

Vertice con il prefetto dopo le proteste

A Campione il commissario arriva davvero

Atteso da gennaio e annunciato da settimane, Maurizio Bruschi presto in servizio. E intanto la Cgil nazionale scrive ai politici: «Ci vuole un intervento urgente delle istituzioni»

Arriva un nuovo commissario straordinario a Campione d’Italia, a distanza di pochi giorni dall’ennesima manifestazione di protesta, culminata con una sorta di “catena umana” davanti all’Arco della Pace.

Ieri mattina una rappresentanza di cittadini dell’enclave è stata ricevuta a Como dal prefetto Ignazio Coccia. «A seguito dell’incontro odierno con il Prefetto di Como Ignazio Coccia – fanno sapere i delegati campionesi - è stata data conferma del completamento dell’iter di nomina del commissario straordinario Maurizio Bruschi con la firma della Corte dei Conti. Il commissario potrà finalmente iniziare a svolgere il suo incarico».

L’arrivo a Campione di Bruschi, pensionato romano di 73 anni con una lunga carriera alle spalle nelle stanze del Viminale, è dato per imminente. La nomina doveva a rigor di legge scattare già da gennaio all’interno della legge ribattezzata “Salva Campione” varata dal governo. Le sentenze e i ricorsi nelle aule di tribunale sul caso Campione hanno rallentato l’incarico.

In un quadro che continua ad essere piuttosto nebuloso, ieri si è levata anche la voce della segreteria nazionale della Cgil. «Nel silenzio assordante delle istituzioni - si legge in una nota - i lavoratori sono stati licenziati dopo la chiusura del Casinò. Si mettono così in difficoltà tante famiglie e al tempo stesso si dà un colpo all’intera economia del Comune. Il sindacato ha chiesto più volte ai ministri competenti di definire un percorso che porti alla riapertura del Casinò e al riassorbimento dei lavoratori licenziati. In questi mesi a Campione si è registrata una caduta dei redditi e la chiusura di importanti servizi sociali».

Di qui l’appello: «La Cgil nazionale chiede un intervento urgente da parte delle istituzioni , affinché si possa dare una risposta ai lavoratori e ai cittadini di Campione che da troppi mesi vivono in situazione di difficoltà».


© RIPRODUZIONE RISERVATA