Bulgaro, il caso del “sindaco terrone”  «Solidarietà contro il razzismo»
Il sindaco Fabio Chindamo durante il giuramento

Bulgaro, il caso del “sindaco terrone”

«Solidarietà contro il razzismo»

Le parole di Chindamo e la serata voluta dalla minoranza

Stasera l’incontro in oratorio eppure non mancano le accuse reciproche

La “questione meridionale” torna a dividere maggioranza e minoranza. Al centro del nuovo caso l’incontro - dibattito sulle discriminazioni e sui razzismi promosso dalla lista di minoranza “Bulgaro Anch’io”, in programma stasera alle 21 in oratorio. Sede scelta in alternativa alla sala consiliare, negata dalla maggioranza.

All’incontro parteciperanno Celeste Grassi di Como Senza frontiere – Arci provinciale e l’avvocato Aurora Longo; previsto un intervento dell’Anpi sezione di Como e Arci circolo di Bulgarograsso. Serata che, nelle intenzioni del consigliere Ferruccio Cotta che ne è il promotore, si propone di essere: «Una manifestazione di solidarietà e di sensibilità verso il sindaco che ha ricevuto offese in relazione al luogo di origine della sua famiglia. Ribadisco che se c’è qualcuno che fa un distinguo sul luogo di nascita non siamo sicuramente noi, ma il sindaco dovrebbe guardare nella sua lista. Tuttavia riteniamo sia giusto proporre alla cittadinanza una manifestazione di solidarietà e di sensibilità, al fine di garantire a tutti forme civili di accoglienza che respingano disprezzo ed emarginazione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA