Como, le idee dei ragazzi   per una scuola migliore
La percentuale di dispersione scolastica a Como è superiore a quella nazionale (Foto by archivio)

Como, le idee dei ragazzi

per una scuola migliore

Un video a testa, trenta secondi e decine di voci per il nuovo progetto dell’impresa sociale “Con i Bambini”, cofinanziato dalla Fondazione Provinciale della Comunità Comasca onlus. L’obiettivo? Combattere la dispersione e la cosiddetta “povertà educativa. GUARDA I VIDEO QUI SOTTO

«Abbiamo chiesto ai ragazzi di darci una scossa». Anche nel territorio comasco, sono sempre più evidenti i sintomi di quella piaga identificata come “povertà educativa”. Per questo, il progetto “Non uno di meno - Per educare un bambino ci vuole un villaggio” ha deciso di fermarsi a riflettere su come il sistema scolastico potrebbe essere anche radicalmente cambiato per una maggiore soddisfazione da parte di studenti, docenti, genitori.

«Abbiamo pensato di chiedere ai ragazzi di mandarci un loro video di trenta secondi dove ci dicessero come dovrebbe essere la scuola dei loro sogni», spiega il regista Paolo Lipari, responsabile della comunicazione, gestita dalla cooperativa Dreamers. «Abbiamo raccolto - continua - circa duecento pareri. Una volta selezionati e montati, sono diventati una ventina di clip da un minuto, contenenti ognuna un grappolo di voci focalizzate su un tema specifico, dal voto ai professori, dalle infrastrutture alle attrezzature».

Gli enti coinvolti

Il risultato è stato stimolante e, in alcuni casi, provocatorio. «Gli studenti - continua Lipari - hanno parlato in maniera sincera, puntuale e diretta. «In questo momento così difficile e teso – precisa Lipari - è stata una luce di speranza ascoltare voci di ragazzi così sensibili, reattivi, intelligenti e capaci di focalizzare le criticità, in maniera ludica e consapevole, mantenendo una prospettiva costruttiva. Abbiamo chiesto loro di darci una scossa e hanno risposto». Momento cruciale del percorso sarà un evento in streaming programmato per l’ultima settimana di maggio.

Partito il 7 gennaio, terminerà fra tre anni (con possibile proroga fino al 31 agosto 2023). Si tratta di un progetto finanziato dall’impresa sociale “Con i Bambini” e dalla Fondazione comasca per un importo complessivo di un milione e 100mila euro. Coinvolgerà 17 fra associazioni, cooperative, organizzazioni e scuole. Circa quest’ultime, sono partner Fondazione Enaip Lombardia (ente capofila), il Setificio, gli istituti comprensivi Como Rebbio e Mozzate, e il Caio Plinio.


© RIPRODUZIONE RISERVATA