Locate, controlli antidroga   nei boschi del delitto
Un’immagine ripresa dall’elicottero dei carabinieri dei controlli effettuati nell’area verde

Locate, controlli antidroga

nei boschi del delitto

Maxi operazione nel parco del Rugareto a distanza di una settimana dal ritrovamento di un cadavere

Maxi operazione delle forze dell’ordine all’interno del parco del Rugareto, la vasta area boschiva che si sviluppa sulla superficie di circa 1.270 ettari di verde a cavallo tra le province di Varese, Milano e Como, tristemente nota come “i boschi dello spaccio”.

La stessa area all’interno della quale la scorsa settimana era stato ritrovato - in comune di Locate Varesino, al confine con Gorla - il corpo senza vita di un nordafricano, ucciso con un colpo di pistola al cuore che non gli aveva lasciato scampo.

Un delitto misterioso sul quale stanno ancora indagando i carabinieri di Como. Un delitto efferato e probabilmente maturato all’interno del fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti.

Nelle ultime ore il parco è finito nel mirino delle forze di polizia che hanno passato l’area al setaccio, compiendo controlli e perquisizioni a raffica. E’ stato quasi letteralmente “rivoltato” per qualche ora un sistema molto ben organizzato che prevede, oltre agli spacciatori di droga, anche una fitta rete di “vedette”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA