Regina chiusa per i lavori  Tra le idee sul tavolo  anche le navette via lago
Il prefetto Polichetti mentre illustra la situazione a Fontana

Regina chiusa per i lavori

Tra le idee sul tavolo

anche le navette via lago

Tremezzina: Vertice in Regione con il prefetto, il sindaco e il presidente Fontana. L’obiettivo è evitare il blocco totale del traffico all’altezza di Colonno

C’è anche Regione Lombardia nel team istituzionale al lavoro per ovviare alla chiusura per 120 giorni consecutivi della statale Regina in corrispondenza del portale sud di Colonno.

Chiusura ad oggi confermata (sta scritto nel contratto firmato il 30 dicembre scorso tra Anas e Consorzio Stabile Sis), anche se la parola fine sulla vicenda non è ancora scritta con le diplomazie al lavoro per valutare altre due ipotesi: chiusure notturne con forbice oraria più ampia (ipotesi poco percorribile) o il senso unico alternato (la proposta è di ben 18 mesi, ipotesi messa sul tavolo in prefettura a Como, ma che comporterebbe necessariamente una modifica delle regole contrattuali d’ingaggio).

Ieri pomeriggio a Palazzo Lombardia il prefetto Andrea Polichetti e il sindaco Mauro Guerra hanno illustrato al presidente Attilio Fontana le criticità in essere cui si potrà porre rimedio ad esempio con il potenziamento del trasporto pubblico, dove la Navigazione avrà un ruolo strategico (e in tal senso entro l’estate inizieranno i lavori di riqualificazione del pontile di Colonno). Ma se la Navigazione fa capo ad una gestione governativa, le Agenzie per il Trasporto pubblico locale hanno un legame diretto con Palazzo Lombardia.

Al momento la situazione che si profila è quella di bypassare il blocco con navette via lago e via terra sfruttando (sulla Regina) un passaggio pedonale che potrebbe essere lasciato - negli orari di punta - una volta che verrà piazzata la maxi gru necessaria al disgaggio della parete boschiva che sta sopra il portale sud.

Sceglie la via della prudenza il sindaco Mauro Guerra che ha annunciato di aver scritto dieci giorni or sono una lettera al ministro delle Infrastrutture Enrico Giovannini illustrando le criticità in essere e chiedendo un aiuto istituzionale al Governo in primis sul tema del potenziamento della Navigazione.

«Le criticità emerse in queste settimane saranno oggetto di approfondimento anche da parte di Regione Lombardia, che attraverso il presidente Attilio Fontana ha garantito la disponibilità ad essere parte attiva nella vicenda, naturalmente ciascuno per le proprie competenze - sottolinea il primo cittadino - Ci sono sul tavolo diverse possibilità che possano da un lato ridurre i disagi e dall’altro definire soluzioni percorribili. Penso al trasporto pubblico ed a quello privato. Ci sono approfondimenti in corso. La Navigazione è sicuramente una risorsa che dovrà essere utilizzata al meglio». (M. Pal.)


© RIPRODUZIONE RISERVATA