Uggiate, ladri con il metal detector  Quarta incursione, niente bottino
Un’abitazione dopo il passaggio dei ladri (Foto by Archivio)

Uggiate, ladri con il metal detector

Quarta incursione, niente bottino

Incursione in una abitazione di via Per Ronago

Ladri in azione con il metal detector, forse: è il sospetto che l’altra sera, al rientro nell’abitazione al confine con Ronago, si è trovata tutti i locali sottosopra.

I ladri hanno disdegnato bigiotteria e suppellettili di qualche valore, scagliando tutto in terra, ma di sicuro cercavano la cassaforte che non c’è. In cantina, nel locale caldaia, hanno intuito che qualcosa doveva pur esserci e in effetti ci sono i tubi metallici di adduzione dell’acqua, regolarmente murati.

Probabilmente, gli ignoti hanno percepito qualcosa, come un rimbombo, chi lo sa: lo si deduce dal fatto che hanno staccato i quadri appesi al muro e avrebbero sondato la parete.

Proprio un cane dei vicini, ad un certo punto, abbia abbaiato, ma solo con il senno di poi è stata collegata la reazione canina alle presenze estranee, in quel momento deserta. Fino alle 17 c’era un parente in casa e i proprietari sono rientrati poco dopo le 20.

L’incursione sarebbe perciò avvenuta all’ora del tramonto, fra il tardo pomeriggio e la sera, quando i vicini erano intenti alle proprie faccende, chi alla griglia e chi usciva e rientrava e nessuno s’è potuto accorgere di nulla, non ha visto presenze anomale, né di auto, né di persone, nel nucleo di ville e villette che sovrasta la strada provinciale, al limitare del bosco.

I ladri hanno forzato l’unica finestra a ribalta aperta, al pian terreno e sono entrati, frugando ovunque, cassetti, armadi, ripiani, scaffali.


© RIPRODUZIONE RISERVATA