Domenica 22 Agosto 2010

Roy Roberts, magica chitarra del blues

Il festival Lario jazz & rhythm'n'blues domenica 22 agosto alle 21.30 fa tappa al Teatro Tenda di Menaggio per una performance della band di Roy Roberts, una delle star più amate e blasonate della manifestazione itinerante promossa dall'amministrazione provinciale. È cresciuto in una piccola città del Tennessee ascoltando la miglior black music alla radio. A 14 anni, ricorda, fu conquistato definitivamente dall'ascolto di "Baby what you want me to do" di Jimmy Reed e quindi iniziò a lavorare duramente in una fattoria per guadagnare quel po' di soldi destinati all'acquisto, per posta, della prima chitarra. Trasferitosi in North Carolina, dopo anni di pratica sullo strumento, il diciottenne Roy entrò stabilmente negli Untouchables di Reggie “Guitar” Kimbers, una formazione molto popolare che ha accompagnato tante star in tour (tra gli altri Eddie Floyd, un giovanissimo Stevie Wonder, Otis Redding). Anche se ha dato vita a una propria Roy Roberts Experience, ha sempre preferito il lavoro dietro alle quinte come musicista e produttore. Ma si è tolto qualche soddisfazione anche come solista con un pugno di 45 giri di successo prima di un'inattesa svolta verso il country soul in piena era disco music. È stato Robert Cray, un suo discepolo, a riportarlo sulla via del blues, un cammino che, stasera, si ferma brevemente sul Lario (ingresso libero, in caso di maltempo al lido di Menaggio).

Alessio Brunialti

b.faverio

© riproduzione riservata

Tags