Dalle feste private ai matrimoni  La nuova vita del parco di Alserio
I giardini a lago di Alserio (Foto by Archivio)

Dalle feste private ai matrimoni

La nuova vita del parco di Alserio

Il Comune vuole affittare il luogo più suggestivo per fare cassa. Possibili eventi a tema, come rievocazioni storiche o degustazioni

Si diffonde sempre di più la moda dei wedding planner e degli organizzatori di eventi e Alserio sfrutta il suo lago per ospitare matrimoni civili e feste. In tempo di crisi e di Comuni con sempre meno soldi, l’idea di rilanciare il turismo del paese e al tempo stesso di fare cassa alletta la maggioranza alseriese che ha varato nei giorni scorsi un progetto per organizzare matrimoni ed eventi sulle rive del piccolo lago di Alserio.

Quella che fino a pochi mesi fa era soltanto un’idea di Gisella Colombo, consigliere comunale e responsabile della cultura, adesso diventa realtà con tanto di studio e progetto organizzato e stilato insieme alla Villago srl, società che si occupa proprio di promozione turistica e organizzazione di cerimonie ed eventi.

“Spazio Alserio: wedding and party”: questo il titolo del progetto stilato da Silvia Brusadelli, responsabile della società di Merone, gestita insieme a Giovanni Vanossi, sindaco meronese, che nel progetto di Alserio partecipa però non in veste istituzionale, ma come partner privato e rappresentante della Villago. L’area più strategica e con maggior potenziale catalizzatore è sicuramente il grande parco dei Giardini a lago.

Questi sono gli spazi che saranno utilizzati nel progetto. Sia per i matrimoni che per altri eventi verranno proposti due filoni rievocativi: uno storico-tradizionale, legato alla storia di Alserio e del suo lago, ponendo l’accento sulla cultura sociale ed enogastronomica del mondo dei pescatori e dei contadini, l’altro ludico-ricreativo legato alla rifunzionalizzazione moderna del luogo quale area per sagre e feste popolari, con la possibilità di organizzare eventi privati su modello delle sagre sia contemporanee che vintage, anni Sessanta e Settanta.


© RIPRODUZIONE RISERVATA