Erba, Angelo Pirovano   sarà il nuovo prevosto
Monsignor Angelo Pirovano

Erba, Angelo Pirovano

sarà il nuovo prevosto

La nomina del religioso verrà ufficializzata da monsignor Maurizio Rolla oggi, sabato, durante la messa delle 18.30. Nato a Costa Masnaga nel 1952, è stato cappellano del Papa ed ha svolto ruoli importanti nella segreteria vaticana

Sarà ufficializzato questa sera,, durante la messa delle 18.30 nella chiesa di Santa Maria Nascente il nome del nuovo parroco di Erba. A celebrare la messa arriverà appositamente il vicario episcopale della zona III di Lecco, monsignor Maurizio Rolla. Il nome del successore di don Giovanni Afker è stato comunicato in parrocchia nei giorni scorsi, ma fino a ieri sera non era stato confermato ufficialmente: si attende ovviamente la parola del vicario dell’arcivescovo.

Intanto diverse conferme non ufficiali, ma ufficiose, individuano in monsignor Angelo Pirovano il nuovo responsabile della comunità pastorale di Erba che da quando era arrivato don Afker riunisce sotto di sè le quattro parrocchie di Santa Maria Nascente, San Maurizio, Santa Marta e Santa Maria Maddalena.

Monsignor Pirovano è originario di Costa Masnaga, ma ha trascorso gli ultimi anni in Vaticano nella segreteria di Stato. Nato il 5 maggio 1952 è entrato in seminario a 11 anni ed è stato ordinato sacerdote il 12 giugno 1976 in Duomo a Milano dal cardinale Colombo. Dal 1976 al 1985 è stato vicedirettore e insegnante nel Seminario di Seveso. Dopo quell’incarico e fino al ’91 ha ricoperto il ruolo di direttore della biblioteca del seminario di Venegono. È stato dal ’91 al ’95 segretario particolare di monsignor Dionigi Tettamanzi quando questi aveva impegni d’ufficio presso la Cei.

Il 29 maggio 1995 è nominato cappellano di Sua Santità e da novembre dello stesso anno si trova alla sezione «Affari Generali» nella segreteria dello Stato Vaticano in qualità di Capo Ufficio. Nell’agosto 2005 è nominato «Prelato d’Onore di Sua Santità» e lì è rimasto fino a oggi, risiedendo in Santa Marta.

Altri dettagli sul giornale in edicola sabato 5 novembre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA