Erba, le bucano una gomma per rapinarla  Il colpo non riesce grazie ai passanti
Il parcheggio davanti alla filiale della banca Intesa San Paolo (Foto by Bartesaghi)

Erba, le bucano una gomma per rapinarla

Il colpo non riesce grazie ai passanti

Una donna vittima di un tranello dopo che aveva fatto un prelievo in via XXV Aprile. L’ha avvicinata una straniera ma i testimoni hanno dato l’allarme: bloccata dai carabinieri

Ladri decisamente sprezzanti del pericolo tentano di rapinare una donna in pieno giorno, alle 13, con la truffa della gomma dell’auto nel parcheggio dell’Intesa San Paolo. La rapina però è andata a vuoto grazia alla prontezza della donna, di alcuni cittadini sul posto e dei carabinieri arrivati velocemente.

Alla fine è stata fermata una straniera come autrice del tentativo di rapina, ma sembra che non abbia operato da sola e si pensa di riuscire ad individuare gli altri artefici della rapina. Quanto successo è ancora oggetto delle indagini dei carabinieri di Erba, la rapina in pieno giorno ha seguito un sistema abbastanza semplice e collaudato.

La donna è scesa dall’auto poco prima delle 13 al parcheggio dell’Intesa San Paolo ed è entrata nella banca per prelevare. È stata quindi seguita in questa prima fase da qualcuno che ha controllato l’effettivo prelievo. All’uscita dalla banca la donna si è diretta verso la macchina per andarsene quando qualcuno la ha avvertita di una gomma bucata, probabilmente la stessa donna artefice poi della tentata rapina.

La malvivente quindi, una volta scesa la donna dall’auto, ha cercato di sottrarle la borsetta. Il tentativo di rapina è però andato a vuoto grazie alla derubata che si è accorta del tentativo e ha resistito, non permettendole di appropriarsi della borsetta.

Quei pochi secondi hanno permesso ai passanti, i pochi presenti in questo periodo , di intervenire in aiuto della vittima riuscendo ad evitare la rapina. In breve sul posto sono arrivati i carabinieri di Erba che sono riusciti ad individuare e fermare una straniera. Oggi durante la giornata dovrebbero essere chiariti alcuni aspetti della vicenda

© RIPRODUZIONE RISERVATA