Troppi pullman all’Alpe del Vicerè  Da adesso solo 10 al giorno con pass
Un pullman sulla strada che conduce all’Alpe del Vicerè (Foto by archivio bartesaghi)

Troppi pullman all’Alpe del Vicerè

Da adesso solo 10 al giorno con pass

AlbavillaIl provvedimento della polizia locale dopo l’andirivieni continuo nel periodo estivo

L’Alpe del Viceré è sotto l’assedio dei pullman.

Troppi quelli in transito verso la località e in alcuni casi si verificano problemi viabilistici. Per questo la polizia locale ha deciso di vietare il passaggio e chiede di essere avvisata con 72 ore di anticipo per rilasciare un’autorizzazione al transito in deroga. Ma solo a 10 pullman al giorno.

Se l’area montana sopra Albavilla è da sempre molto frequentata d’estate, con l’avvento del Jungle Raider Park la situazione è diventata difficilmente sostenibile senza una regolamentazione, da qui la necessità di avere un preavviso. Oggi saranno, solo per fare un esempio, nove gli autobus in transito: cinque per il parco avventura e quattro per un oratorio estivo. L’eventuale incrocio dei mezzi è un problema, nel fine settimana lo diventa ancora di più.

«Il transito degli autobus verso l’Alpe del Viceré è vietato con una deroga che prevede un preavviso al nostro comando di 72 ore – spiega il comandante della polizia locale di Albavilla, Albese con Cassano e Tavernerio Federico Ciceri - Questo si è reso necessario in considerazione dell’alto numero di mezzi pesanti e dell’esigenza comunque di farli arrivare all’Alpe».

Il problema, se lo si può definire tale, è il buon successo ottenuto con immediatezza dal parco avventura aperto da pochi mesi: «La situazione per gli autobus su quella strada è sempre stata complicata, perché è difficile manovrare quando si incrociano due mezzi; il ciglio non è protetto, se capita si deve percorrere in retromarcia un tratto di 100 o 200 metri non certo in condizioni sicure. La situazione non era più gestibile, serviva intervenire, per questo per la prima volta abbiamo inserito questa richiesta di autorizzazione preventiva che ci permette di programmare il transito. In caso di non presentazione della documentazione naturalmente c’è il divieto per i mezzi pesanti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA