Un nuovo centro islamico  Ma i vigili bloccano i lavori
In questa palazzina di via Comana Corta stava per sorgere la sede dell’associazione senegalese

Un nuovo centro islamico

Ma i vigili bloccano i lavori

Erba, un’autorimessa trasformata nella sede dell’associazione senegalese

Non c’erano le autorizzazioni, il vicesindaco: «Contestato l’abuso edilizio»

Hanno bloccato sul nascere l’apertura della sede di un’associazione culturale di ispirazione islamica in via Comana Corta, a pochi passi dalla provinciale Lecco-Como e dalla rotonda del Bennet.

Nei giorni scorsi gli agenti della polizia locale di Erba hanno contestato la realizzazione di opere in assenza di permesso di costruire al presidente e al segretario dell’associazione culturale Cheikh Ahmadou Bamba Massalikoul Jinan: si tratta di due senegalesi, Taiba Serigne Dieng e Babacar Dioun; la contestazione, come sempre accade in questi casi, è arrivata anche al proprietario dell’immobile affittato, Danilo Fumagalli.

«Gli agenti della polizia locale - spiega il vicesindaco Claudio Ghislanzoni - hanno effettuato un sopralluogo in via Comana Corta. Qui si sono trovati di fronte a un’autorimessa trasformata in una sala riunioni, senza le necessarie autorizzazioni: i locali non sono ovviamente consoni per ospitare un’assembramento di persone, mancavano molte cose a partire dalle uscite di sicurezza».

Cheikh Ahmadou Bamba Massalikoul Jinan è un’associazione culturale di ispirazione islamica. Impossibile dire se i locali di via Comana Corta sarebbero stati utilizzati dagli associati anche per pregare: la sede, del resto, è stata chiusa sul nascere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA