Angelica, il tuo ricordo non morirà
Angelica Angelinetta è morta a 26 anni

Angelica, il tuo ricordo non morirà

Addio a soli 26 anni, ha continuato fino all’ultimo a promuovere la ricerca contro la fibrosi cistica

Ha voluto esserci alla Marafibrisitona, anche se costretta su una sedia a rotelle e impossibilitata persino a leggere il suo messaggio per la fatica nel respirare.

Poi, una volta decisi i nuovi progetti da finanziare per la ricerca sulla fibrosi cistica con l’enorme somma raccolta, Angelica Angelinetta è volata in cielo. Se n’è andata in punta di piedi, dopo aver mostrato a tutti la forza e la determinazione di cui era dotata ed è forse per questo che a nessuno sembra vero. A soli 26 anni aveva fatto talmente tanto che da lei chiunque poteva solo da imparare: soprattutto sul senso della vita terrena, sull’impegno disinteressato per le buone cause, sulla capacità di superare le avversità col sorriso e una vitalità che facevano sembrare piccola piccola anche la terribile fibrosi cistica.

Stava male, ma sei giorni fa aveva lanciato su facebook la campagna dei ciclamini, una delle iniziative che la vedevano protagonista della Fondazione per la ricerca in Alto Lario. Un impegno, il suo, che è stato una ragione di vita, fino all’ultimo respiro.

«Siamo troppo felici e senza parole, raggiungere una cifra così è qualcosa di indescrivibile – era il suo messaggio di ringraziamento rivolto agli amici della Marafibrositona quindici giorni fa – . Sono incredula, eppure è così… ed è fantastico». Angelica era il cuore del territorio. Il suo motto, “fare del bene fa bene”, caratterizzava ogni suo progetto e ogni suo gesto; il suo entusiasmo, finalizzato sempre a qualcosa di positivo per il prossimo, aveva contagiato un po’ tutti e, inevitabilmente, l’intero territorio ieri mattina ha avvertito un senso di vuoto e di gelo.

Non sembrava e non sembra ancora vero che una guerriera della sua tempra potesse andarsene. Una malattia subdola e insidiosa ha avuto il sopravvento, ma Angelica è stata così forte ed importante che nessuno la può dimenticare.

La Marafibrositona continuerà a svolgersi, ancora più partecipata di prima, e così le altre iniziative di solidarietà. Perché per lei non c’era solo la fibrosi cistica e alla camminata della speranza voleva sempre presenti anche le altre associazioni del territorio impegnate per i meno fortunati. Migliaia di messaggi spuntano sul profilo facebook della giovane e i contenuti si riassumono in quello dell’amica Melanie: «Non doveva andare così, non dopo tutto quello che hai fatto, perché hai fatto veramente tanto. Il tuo messaggio, i tuoi sforzi, la tua forza sono arrivati lontano, più di quanto potessi aspettarti. Hai lasciato un segno ben marcato in tutti noi, con il tuo sorriso e la tua volontà di lottare contro questo mostro. Non ha vinto lui, hai ancora vinto tu e questo lo sanno tutti».

I funerali di Angelica si svolgeranno martedì 23, alle 14.30, nella parrocchiale di Santo Stefano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA