Ecco Dante, l’idraulico di Laglio  L’uomo che ha “salvato” Clooney
Dante Pennè

Ecco Dante, l’idraulico di Laglio

L’uomo che ha “salvato” Clooney

La piscina di Clooney non si riscaldava proprio alla vigilia dell’arrivo di Barack Obama. L’idraulico di Laglio ha risolto il problema di Clooney in otto ore

È uno dei pochi ad avere bevuto un caffè con Clooney.

E ha anche una foto ricordo con l’attore che però ha deciso di tenersi per sè.

Dante Pennè, idraulico di Laglio, ha salvato la piscina a Villa Oleandra.

Perché proprio il giorno prima dell’arrivo a Laglio dell’ex presidente degli Stati Uniti d’America Barack Obama, la piscina di villa Oleandra si è rotta.

Acqua fredda e più bassa del solito. Qualcosa non funzionava allo scarico, evidentemente, e come in tutte le migliori famiglie il guasto si è verificato alla vigilia del giorno più importante. Appena Clooney se ne è accorto ha avvisato il suo staff.

Giovanni, il bodyguard tutto fare di Clooney, chiama l’idraulico lagliese che in un baleno raggiunge la villa. La tensione è alle stelle, la piscina va riparata subito.

«E’ successo proprio il giorno prima che arrivasse Obama – dice -. Avevo anche sistemato tutto l’impianto di irrigazione un mese e mezzo fa. Quando ho fatto questo intervento per la piscina, non sapevo dovesse arrivare Obama e, nel momento in cui me lo hanno detto, facevo fatica a crederci. Cosi sentivo ancora di più la pressione. Ma poi ho capito cosa non funzionava, niente di grave, anche se ho impiegato più tempo del previsto. Per quell’urgenza alla piscina credevo di metterci due ore, invece ce ne sono volute otto, aiutato anche da collaboratori di ditte esterne, ma poi siamo riusciti a risolverlo».

Clooney è stato un signore, come al solito, e ha sorvegliato i lavori tutto il tempo offrendo il caffè all’idraulico.

«Clooney è sempre stato gentile e disponibile, l’altro giorno mi ha chiamato lui per fare una foto insieme, in effetti è la prima da quando lo conosco, però per ora preferisco conservarla solo per me – continua Dante –. È una persona molto umile nonostante la grande fama di cui gode. Con lui c’è sempre stato un ottimo rapporto».

Uno è un attore che ha come amici presidenti e principi, l’altro è l’idraulico ma Clooney è famoso perchè tratta allo stesso modo chiunque. E a Laglio questo la gente lo sa.

George Clooney tiene molto alla tutela della propria privacy quando è a Laglio (tra i motivi per cui ha scelto proprio il paesino) ma con i suoi collaboratori, è sempre stato molto gentile e disponibile, tanto da offrire loro delle cene in villa per sdebitarsi di quanto fatto per lui in questi anni. Dante è un tipo molto discreto non ha mai parlato dei lavori a casa Clooney solo che l’emergenza alla piscina l’ha catapultato sotto ai riflettori.

«Ho fatto il mio lavoro - dice Dante - ma lui è davvero speciale. Clooney è davvero una persona umile. Mi ha salutato di persona e abbiamo scambiato due parole. Io gli detto sono un po’ ingrassato dall’ultima volta che ci siamo visti. E lui ha scherzato: “E io sono invecchiato”».

Quando gli Obama sono arrivati la piscina era perfetta come doveva essere.

E il padrone di casa ha fatto bella figura.

«Obama? No, non l’ho visto – conclude Dante – sono entrato il giorno prima che arrivasse e poi basta».

E, grazie a lui, la piscina non ha deluso le aspettative degli illustrissimi ospiti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA