Erbonne, il compleanno speciale  Cinquant’anni fa l’ultimo bebè
Daniela Cereghetti, seconda da sinistra, con la sorella Marinella, la mamma Albina e il papà Franco (Foto by Francesco Aita)

Erbonne, il compleanno speciale

Cinquant’anni fa l’ultimo bebè

Festa per Daniela Cereghetti nel borgo di San Fedele Intelvi in cui vivono ancora 7 persone

Un compleanno davvero speciale quello che è stato festeggiato da Daniela Cereghetti domenica 12 luglio a Erbonne, il paese più piccolo con i suoi 7 abitanti.

La donna ha festeggiato i 50 anni ed è l’ultima nata nel borgo. Da allora non ci sono state più nascite tra quelle case che si sono via via spopolate. A soffiare sulle cinquanta candelina oltre alla mamma Albina, 93 anni, la più anziana dei sette residenti , con Daniela c’erano papà Franco, 91 anni , la sorella Marinella, e il fratello arrivato dalla vicina Svizzera con tutta la famiglia al seguito. Daniela, che lavora in un centro sanitario a Mendrisio, rientra spesso a casa a trovare gli anziani genitori. Mamma Albina è tornata con la memoria a quel giorno di cinquant’anni fa. « Le doglie sono arrivate all’improvviso mentre ero in alpeggio a badare alle mucche. Ho capito subito che bisognava fare in fretta». Daniela ha frequentato le scuole elementari nel vicino paese di Casasco, poiché le scuole di Erbonne erano già state chiuse per mancanza di bambini. E pensare che proprio la scuola diventata un vero e proprio centro aggregativo voluto a tutti i costi dagli abitanti che fino agli inizi del Novecento erano costretti a mandare i figli nelle scuole svizzere del vicino villaggio di Scudellate. Oggi, Erbonne, che vive di pace tranquillità e tanta natura dieci mesi l’anno, si popola tra luglio ed agosto. Le vecchie case, l’antico lavatoio, la piazzetta, l’acciottolato, il «funtanino» , la chiesa, la trattoria, il sito archeologico, il museo del contrabbando, il caratteristico ponte pedonale in legno che separa l’Italia dalla Svizzera, e tanta quiete e natura sono apprezzate da un sempre maggiore numero di visitatori.

(Francesco Aita)


© RIPRODUZIONE RISERVATA