Griante e Villa Adenauer  Ecco tutti i segreti
Heiner Enterich davanti ad alcune delle foto che contraddistinguono la villa (Foto by foto selva)

Griante e Villa Adenauer

Ecco tutti i segreti

Siamo entrati nell’immobile acquistato nel 1959 dallo statista tedesco e che ancora oggi ne porta il nome

Chissà, forse la moderna Europa è davvero nata qui, tra i viali ordinati e ben tenuti della Fondazione Konrad Adenauer (di cui fanno parte la storica Villa La Collina e la moderna “Accademia Konrad Adenauer”), che sembrano proteggere gli ospiti dal clamore della mondanità.

Quei viali che il cancelliere Konrad Herman Josep Adenauer amava percorrere con l’adorato bastone, ammirando il lago o la montagna, a seconda del percorso intrapreso. Lui che ai politici di mezzo mondo che qui venivano per chiedere consiglio o magari per delineare progetti ad ampio respiro suggeriva una salutare partita a bocce. Già le bocce, la sua grande passione.

Ieri, la Fondazione Konrad Adenauer ha aperto le porte a “La Provincia”. E così questo gioiello che si sviluppa su un parco di 27 mila metri quadrati ha potuto farsi ammirare in tutto il suo splendore.

Negli anni questa oasi di riservatezza, da cui sono passati i “Grandi” della terra, si è aperta al mondo.

Heiner Enterich, da 8 anni sul Lario è l’amministratore delegato di questa perla. In totale sono 34 le camere con 61 posti letto e al 94% c’è già sold out per l’anno in corso. Le presenze veleggiano ormai verso quota 8 mila.

I dettagli su La Provincia in edicola martedì 19 aprile


© RIPRODUZIONE RISERVATA