Guardia di finanza in municipio  Due indagati a Tremezzina
Il municipio di Tremezzina a Lenno

Guardia di finanza in municipio

Due indagati a Tremezzina

Inchiesta in corso, coinvolti due dipendenti comunali. Il sindaco: «Collaborazione con la Procura e rispetto per chi è coinvolto»

Un dipendente del Comune di Tremezzina è finito al centro di una indagine della guardia di finanza di Menaggio che ipotizza reati di falso, abuso d’ufficio e peculato. Coordinate dalla procura della Repubblica, le fiamme gialle hanno effettuato in questi giorni alcune perquisizioni con relative acquisizioni di atti, nelle sedi municipali di Lenno e di Tremezzo e a casa del dipendente, sequestrandogli un pc e uno smartphone. Con lui, sul registro degli indagati, in posizione a quanto pare più defilata,un altro dipendente comunale.

Secondo l’accusa il dipendente sarebbe l’autore “occulto” di un numero ancora imprecisato di progetti di ristrutturazione o di costruzione ex novo, realizzati in nome e per conto di privati sul territorio del Comune, progetti che, in quanto dipendente dell’ente pubblico, non avrebbe potuto firmare, e che per questo venivano sottoscritti, in sua vece, da professionisti esterni. L’attività di indagine era stata avviata lo scorso anno sulla scorta di un esposto, redatto in conseguenza di un nuovo intervento nella zona alta del paese, in via degli Alpini, verso la salita che conduce al Santuario del Soccorso.

Il sindaco Mauro Guerra, in una nota ha spiegato: «Abbiamo garantito e garantiremo alla magistratura procedente la massima collaborazione essendo per primi interessati al più pieno e rapido chiarimento della situazione». E ha aggiunto: «In attesa dello sviluppo delle indagini e nel pieno rispetto dei diritti di chi vi è coinvolto, ho nel frattempo disposto alcune misure organizzative che consentano agli uffici e a tutti i dipendenti di continuare il loro lavoro in condizioni di piena serenità, legittimità e funzionalità al servizio della nostra comunità».

L’articolo completo su La Provincia di giovedì 23 febbraio


© RIPRODUZIONE RISERVATA