La stretta di mano al presidente

«Che onore per un cuore alpino»

Alta Valle Intelvi: la testimonianza del segretario del gruppo Alpini durante il raduno nazionale di Trento

La stretta di mano al presidente «Che onore per un cuore alpino»
Costantino Canevali mentre stringe la mano al presidente Sergio Mattarella. Al suo fianco nche Gabriele Celestino Lombardo

È stato un momento emozionante quella stretta di mano accompagnata dal saluto militare tra il segretario del gruppo alpini Lanzo Alta Valle Intelvi Costantino Canevali e il presidente della Repubblica Sergio Mattarella durante la parata del raduno nazionale delle Penne Nere che si è svolto domenica a Trento.

Della delegazione con Canevali hanno fatto parte anche Gabriele Celestino Lombardo e il capogruppo Antonio Girola. « La sfilata -racconta Canevali -è stata fermata davanti al presidente Mattarella proprio mentre era la nostra riga a passare davanti il palco delle massime autorità. Dopo l’onore alla bandiera, è stato intonato l’inno di Mameli. Poi il saluto del Presidente che ha ringraziato tutti gli alpini salutandoci con un “ Bravi “. Dopo la commemorazione istituzionale con il capo dello Stato la sfilata ha proseguito il suo corso».

Un momento di inevitabile emozione, per gli alpini comaschi. «Siamo stati felici che siano stati gli alpini della Valle d’Intelvi a presenziare un momento così importante di commemorazione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

{# #}