L’assessore al volante. Ma senza patente  Il sindaco è con lui: «Spirito di servizio»
Uno scorcio del municipio di Valsolda

L’assessore al volante. Ma senza patente

Il sindaco è con lui: «Spirito di servizio»

Valsolda: il caso è venuto alla luce dopo la multa elevata dai Carabinieri Forestali di Carlazzo. La minoranza chiede spiegazioni

L’assessore conduce veicoli motorizzati in strada, ma da quanto risulta è sprovvisto di patente di guida. Davvero curioso il caso in cui si trova coinvolto uno degli amministratori del piccolo paese. In base a quanto riferisce il gruppo di opposizione, l’assessore in passato avrebbe condotto anche mezzi di proprietà del Comune. Che non fosse in possesso di patente era una indiscrezione che si rincorreva da tempo, ma di recente i consiglieri hanno appreso che qualche mese fa l’interessato sarebbe stato fermato dai carabinieri forestali di Carlazzo in sella alla propria motocicletta, risultando sprovvisto di patente.

« Chiedevamo, in sostanza, come intendesse procedere l’Amministrazione, confidando di avere una risposta pubblica in consiglio comunale. Pare invece che non si trattasse di argomento di competenza del consiglio e la risposta, decisamente pilatesca, è arrivata in un secondo momento per lettera» dice la minoranza.

Il sindaco, Giuseppe Farina, a questo proposito fa presente che «l’operato dell’assessore Venini è stato finora encomiabile, perché ogni giorno è al servizio della Valsolda con abnegazione, interessandosi di tutto ciò che necessita sul territorio comunale. Essere in possesso della patente di guida non è un requisito richiesto per svolgere i compiti istituzionali e averne dichiarato il possesso nel curriculum vitae non può ritenersi una violazione passibile di provvedimenti».

L’articolo completo su La Provincia di venerdì 11 maggio


© RIPRODUZIONE RISERVATA