Livo, caccia ai piromani del bosco
Due elicotteri per spegnere l’incendio

Il rogo che ha distrutto 8 ettari di territorio nel giorno di Pasqua, si è riacceso alimentato dal vento a Pasquetta: ore di lavoro anche per i volontari

Livo, caccia ai piromani del bosco Due elicotteri per spegnere l’incendio
Un volontario al lavoro sui monti di Livo
(Foto di Gian Riva)

E adesso è caccia ai piromani. L’incendio che ha distrutto otto ettari di bosco e pascolo sui monti di Livo nel giorno di Pasqua è stato appiccato intenzionalmente. Ma ora il bilancio è ben più grave perché le fiamme, come spesso capita, sono ripartite alimentate dal vento nel giorno di Pasquetta e per spegnerle sono stati chiamati in causa decine di volontari di vigili del fuoco e delle squadre antincendio coadiuvati da due elicotteri della protezione civile che hanno fatto la spola tra la diga di Livo e la zona incendiata per riversare sul terreno arido una gran quantità d’acqua.

Servizio su La Provincia in edicola martedì 14 aprile 2020

© RIPRODUZIONE RISERVATA