Nove chilometri di tubi nel lago  E le acque torneranno più pulite
Un’immagine subacquea del collettore che si trova ad Argegno

Nove chilometri di tubi nel lago

E le acque torneranno più pulite

L’operaIn fase di ultimazione l’imponente progetto di risanamento costato 4 milioni di euro

Niente più scarichi nel lago e acque completamente risanate. Quello che sembrava un sogno, ora sta diventando realtà. Sono in fase di ultimazione i lavori di disinquinamento del primo bacino del lago di Como che hanno visto coinvolti i Comuni di Laglio, Brienno e capofila Argegno per la realizzazione del collettore di collegamento al depuratore delle Camogge di Colonno.

Un intervento lungo ed impegnativo, considerato tra i più importanti degli ultimi anni a livello ambientale, dal costo di 4 milioni e mezzo di euro, per un totale di nove chilometri di condotte fognarie ancorate al fondo del lago, ad una profondità di 10 metri circa.

L’intervento è stato suddiviso in tre lotti: il lotto 1, già terminato e collaudato, che ha coinvolto Argegno, lungo 1600 metri e costato 900 mila euro. Il lotto 2, in fase di ultimazione a Brienno, è il più lungo con un’estensione di 4330 metri e costato 2.100.000 euro. Infine il lotto 3 a Laglio, che verrà con tutta probabilità terminato in primavera, lungo 2750 metri, dal costo di 1.550.000 euro.


© RIPRODUZIONE RISERVATA