Variante della Tremezzina
Tir fermati a Laglio e Porlezza

Dal 29 novembre l’alt ai veicoli più lunghi di 12 metri e i punti per l’inversione di marcia. Battelli e pullman: clicca qui per il piano dei trasporti

Variante della Tremezzina Tir fermati a Laglio e Porlezza
Le operazioni di imbarco allo scalo di Sala Comacina
(Foto di Selva)

La nuova riunione del Tavolo di Coordinamento sulla Tremezzina ha affrontato il tema della viabilità alternativa al blocco di Colonno nel corso dell’incontro di lunedì 8 novembre. Sulla base della relazione predisposta dalla Polstrada, tre sono i percorsi individuati sull’asse Tremezzina – Como.

Per quanto concerne il percorso che andrà per la maggiore - da Menaggio a Porlezza sulla Regina, poi provinciale 14 sino a Centro Valle Intelvi e di lì sulla provinciale 13 fino ad Argegno, è bene rimarcare che sul tratto San Fedele Intelvi–Porlezza vige il divieto di transito agli autocarri con lunghezza superiore ai 12 metri e peso superiore a 24 tonnellate, oltre che ai veicoli sopra i 3,80 metri di altezza. Anas sta predisponendo il posizionamento della cartellonistica per avvisare gli automobilisti sia della chiusura a Colonno che delle limitazioni per i mezzi pesanti lungo la Valle d’Intelvi.

Alcuni “punti fissi” - individuati dalla Posltrada - saranno presidiati così da consentire l’inversione di marcia. Si tratta di Laglio, all’altezza dell’intersezione con la SP 71, e di Porlezza, all’altezza dell’intersezione con via Cuccio. La strettoia di Laino sarà presidiata da degli osservatori del traffico.

Intanto dalle 22 di martedì 9 alle 5 di mercoledì 10 novembre la Regina chiuderà per la prima volta al traffico in entrambi i sensi di marcia a Brienno per consentire il trasbordo di un trasformatore di corrente destinato alla centrale di Argegno. Si tratta della prima chiusura notturna della Regina prima della fatidica data del 29 novembre, giorno in cui la Regina chiuderà a Colonno per 120 giorni consecutivi. Il blocco del traffico di martedì 9 non mancherà di generare qualche preoccupazione, considerato che - data l’ubicazione del trasporto eccezionale - l’unica alternativa percorribile per bypassare il blocco è rappresentata dal valico della Val Mara.

Intanto la cabina di coordinamento ha diffuso gli orari ufficiali di battelli e pullman mobilitati nei 120 giorni che seguiranno alla chiusura della Regina a Colonno dal 29 novembre

(Marco Palumbo)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

{# #}