A Turate spuntano i vandali acrobati  Imbrattano il soffitto con i mozziconi
Il portico preso di mira dai vandali

A Turate spuntano i vandali acrobati

Imbrattano il soffitto con i mozziconi

Il portico di via Tinelli, in pieno centro, singolare monumento alla maleducazione

«Mi piacerebbe proprio sapere come hanno fatto». A domandarsi come si sono organizzati i vandali-acrobati è un residente che, passando sotto i portici di via Tinelli, nella zona del centro dove ha sede anche la biblioteca, ha notato per caso oltre una ventina di mozziconi di sigarette, attaccati sul plafond, con gomme da masticare o qualche altro “collante”. Insomma, una sorta d’installazione emblema della maleducazione che ha suscitato una certa curiosità tra i passanti, ma soprattutto una naturale indignazione nel vedere l’insolito imbrattamento.

In una zona dove si erano già registrati problemi in particolare legati a schiamazzi notturni, da parte di gruppi di giovani che si ritrovano alcune volte nelle vicinanze, e a situazioni di degrado urbano.

«A dire il vero, passando di lì capita spesso di sentire un po’ di puzza ma, da quel che ho visto, le pulizie urbane vengono comunque effettuate regolarmente – è la riflessione dell’uomo – dando un’occhiata una volta al soffitto, mi è capitato appunto di vedere le sigarette, che sembrano essere state svuotate dal tabacco in precedenza contenuto, in qualche modo appiccicate. Mi sono quindi chiesto come sia stato possibile fare una cosa del genere».

Il soffitto si trova ad un’altezza di circa quattro metri da terra: i vandali - acrobati si devono essere dati veramente molto da fare per riuscire realizzare il proprio progetto, con il rischio probabilmente anche di cadere e di farsi male.


© RIPRODUZIONE RISERVATA