Appiano, il Milan Club cambia sede  Trasferito nell’ex “covo” interista
La cena del “Milan Club Appiano Gentile” l’altra sera alla “Vigna” di Olgiate Comasco

Appiano, il Milan Club cambia sede

Trasferito nell’ex “covo” interista

I rossoneri festeggiano i 35 anni: adesso sono al bar Cecchinett. Ma in segno di rispetto al passato su una parete rimane la foto di Herrera

Il Milan club di Appiano Gentile, 35 anni di storia, ora è nell’ex “covo” dell’Inter, il bar Cecchinett. Il club vanta una lunga storia iniziata dal 1983 ad Appiano e non lesina gli scherzi ai “cugini” nerazzurri tant’è che quest’anno nel mese di giugno ha festeggiato l’anniversario della sua nascita con un pranzo proprio al ristorante “La Pinetina” (altro luogo simbolo dell’opposta “fede” calcistica) alla presenza di oltre un centinaio di persone con i rappresentanti regionali del Milan club.

Non poteva mancare per l’occasione, la copia della coppa della Champions League: trofeo vinto per ben sette volte dalla squadra rossonera. Il club ha all’attivo 165 soci di età compresa, da 8 a 85 anni, provenienti dai paesi limitrofi e non solo, e l’altra sera in occasione della riunione del direttivo che fanno tutti i martedì hanno fatto il bis per festeggiare i 35 anni in modo meno ufficiale ma come sempre con una cena aperta a tutti al bar trattoria “La Vigna” di Olgiate Comasco il cui proprietario è di fede rossonera.

In menù un buonissimo risotto con ossi buchi della tradizione milanese con tanto di torta dai colori rossoneri. «Ringrazio Alessio Peron che è anche vicepresidente con me del club – commenta Ivano Dall’Ava - perché è un motivatore e grazie a lui il numero degli iscritti è in crescendo».

«In primavera il nostro club si è trasferito nello storico bar gelateria Cecchinett in piazza Libertà a Appiano Gentile dove ha la sua nuova sede e ci troviamo molto bene» aggiunge.

Il club rossonero ha deciso, per rispetto calcistico, di lasciare appesa al bar la foto del campione Helenio Herrera, ma ora ci sono anche il pallone del Milan e diversi gadgets milanisti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA