Appiano, strega al rogo  a villa Rosnati
Il rogo della strega in villa Rosnati

Appiano, strega al rogo

a villa Rosnati

Piace sempre la manifestazione

Promossa la nuova location del “Rogo della strega”. La manifestazione, riproposta per il terzo anno dalla Pro loco, ha raccolto il gradimento del pubblico intervenuto l’altra sera nel parcheggio di villa Rosnati. Quest’anno, a causa della presenza del cantiere in piazza Libertà, il rogo è stato trasferito a Villa e l’effetto è stato ancora più suggestivo.

Nonostante la concomitanza con il Festival di Sanremo e il picco dell’influenza che ha ridotto un po’ le presenze, hanno comunque partecipato non meno di 350 persone, fra cui numerosi bambini accompagnati dai loro genitori.

La stria – un fantoccio con le sembianze di una strega - è stata prelevata dall’area feste, sede della virtuale prigione, e poi accompagnata in corteo fino al parcheggio del municipio, alla luce delle fiaccole disposte ai lati del camminamento predisposto ad hoc, con un seguito di bambini che battevano forte su scatole di latta per fare rumore. All’arrivo al parcheggio, il fantoccio è stato issato su una catasta di legna alta circa 1,80 metri.

Fiammate alte e vigorose, levatesi fino a sei metri di altezza, tra l’entusiasmo degli spettatori. Al pubblico, dislocato attorno al falò, sono stati distribuiti polenta e zola offerti dalla “Gastronomia Rusconi” e vin brulè, panettone e pandoro a cura della Pro loco.


© RIPRODUZIONE RISERVATA