Bizzarone, non sfruttò i migranti  Archiviazione per Capiaghi
«Il fatto non sussiste»: archiviazione per Luigi Capiaghi

Bizzarone, non sfruttò i migranti

Archiviazione per Capiaghi

Non sono stati rilevati reati nella gestione della Cooperativa “Intesa Sociale”. «Dopo due anni di indagini, è un certificato del nostro modo di operare nella legalità»

Nessuna speculazione sui migranti, nessun profitto illecito: è la conclusione di due anni di indagini penali su Luigi Capiaghi, 71 anni, fondatore e responsabile della Cooperativa “Intesa Sociale” che da decenni si occupa di profughi e di richiedenti asilo.

Il pubblico ministero Massimo Astori ha chiesto l’archiviazione del fascicolo e il Gip Carlo Cecchetti l’ha disposta con la formula più ampia possibile: «Il fatto non sussiste», cioè Luigi Capiaghi non ha commesso i reati ipotizzati, appropriazione indebita e truffa aggravata ai danni dello Stato.

Poche parole di reazione da parte di Capiaghi: «Consideriamo l’archiviazione come un certificato del nostro modo di operare nella legalità - afferma – Devo innanzitutto ringraziare l’avvocato Claudio Bocchietti per la sua consulenza legale e soprattutto psicologica. Ci ha supportato nei momenti più difficili con la sua grande umanità e professionalità. Un grazie ai miei collaboratori che in questo periodo mi hanno sempre dimostrato grande solidarietà».


© RIPRODUZIONE RISERVATA