Cadorago, i  vigili e il drone  «Cacceremo gli spacciatori»
L’area della stazione ferroviaria sembra essere tornata sotto controllo (Foto by archivio)

Cadorago, i vigili e il drone

«Cacceremo gli spacciatori»

Le strategie dell’Amministrazione davanti al fenomeno droga

In pochi giorni sequestri di eroina e fogli di via: «Non ci fermeremo qui»

Polizia locale a tutto campo per individuare o comunque cercare di allontanare tossicodipendenti e spacciatori: nel giro di tre giorni, gli agenti della locale hanno sequestrato alcuni grammi di eroina, proposto alle autorità competenti di disporre un foglio di via dal paese e presentato una denuncia per inosservanza di un altro foglio di via.

La polizia urbana, in sinergia e in stretta collaborazione con le altre forze dell’ordine, è insomma impegnata a fare il possibile per tenere d’occhio le vie del paese e cercare di prevenire e evitare situazioni di degrado urbano e sociale.

Nonostante gli interventi e i pattugliamenti disposti da parte delle forze dell’ordine, specialmente nelle ultime settimane, la situazione sarebbe però ritornata nuovamente a essere piuttosto difficile. «Subito dopo il periodo natalizio le cose sembravano essere un po’ migliorate, ma di recente sono tornati ad esserci ancora strani movimenti in diverse delle zone del paese dove già in precedenza si erano segnalati dei problemi – spiega il sindaco Paolo Clerici – la polizia locale, assieme alle altre forze dell’ordine, ha quindi disposto nuovi controlli e verifiche».

A preoccupare è il fatto che i via vai sembrano riguardare un numero crescente di persone: «La sensazione è che, in paese come anche altrove, siano in aumento i consumatori di sostanze proibite, una situazione che porta di conseguenza inevitabilmente a un aumento dell’ “offerta” - è l’analisi del primo cittadino - Assieme ai controlli e pattugliamenti sul territorio, che naturalmente non devono mai mancare, è quindi importante cercare nel contempo anche di promuovere attività e iniziative mirate, rivolte soprattutto verso gli studenti delle scuole, per metterli in guardia riguardo ai tanti rischi e pericoli che corrono nell’avvicinarsi alle droghe».

Per cercare di tenere d’occhio con sempre maggiore attenzione le zone non urbanizzate, il Comune sta adesso pensando di dotare la pl di un drone. «E’ un’iniziativa che potremo attuare soltanto se otterremo i fondi finanziari che abbiamo chiesto – conclude il primo cittadino – in generale, l’obbiettivo è quello di avvalerci di tutte le più moderne strumentazioni per monitorare il nostro territorio».


© RIPRODUZIONE RISERVATA