Cadorago, ladro sorpreso   mentre forza la finestra
Il giardino utilizzato dai ladri per darsi alla fuga

Cadorago, ladro sorpreso

mentre forza la finestra

Decisivo il sensore d’allarme di una tapparella che si è azionato

Il malvivente si è dato alla fuga nel giardino del vicino

Notte di paura per una famiglia, “accerchiata” dai ladri. L’ennesimo episodio che suscita preoccupazione e allarme, come denuncia Roberto Ronzoni ,responsabili del Controllo di vicinato.

Se l’è vista brutta una famigliola che abita in una palazzina in via Michelangelo. Nella notte tra venerdì e sabato, tra le 22.30 e le 22.45, il sensore di una tapparella al piano terra dell’allarme si era d’un tratto azionato, i residenti avevano sperato in un malfunzionamento ma, per sicurezza, si erano affacciati dalla finestra del piano superiore. E da lì hanno visto uno sconosciuto che stava armeggiando attorno ai serramenti.

Dopo aver scavalcato la recinzione, l’intruso aveva infatti attraversato di soppiatto il giardino, dirigendosi poi verso una delle finestre, con l’idea di forzarla, ma è stato tradito dall’allarme. Superato l’iniziale momento di stupore, i residenti hanno urlato contro lo sconosciuto, dicendogli di andarsene subito. Il malvivente, pur se colto sul fatto, non si sarebbe scomposto più di tanto, limitandosi a saltare rapidamente la recinzione “atterrando” nella vicina di proprietà, dove però, proprio per evitar intrusioni, è stato sistemato un lampioncino che si aziona automaticamente quando passa qualcuno.

Il topo d’appartamento – che indossava in quel momento un cappellino e una felpa chiara – si è così trovato in un attimo in piena luce: a quel punto deve aver probabilmente pensato che quella non era proprio la sua serata, è quindi scappato nuovamente verso la vicina fascia boschiva. Gli abitanti della zona hanno poi segnalato l’accaduto ai carabinieri.

C’è naturalmente grande preoccupazione da parte della famiglia che ha rischiato di trovarsi faccia a faccia con i ladri che volevano svaligiare la loro casa. Il timore è infatti quello di essere in balia di malviventi che non si sono minimamente preoccupati del fatto che nell’abitazione presa di mira potesse in quel momento esservi qualcuno.


© RIPRODUZIONE RISERVATA