Campo di granoturco con sorpresa  Nasconde “piante” di marijuana
Olgiate finanza, una pattuglia

Campo di granoturco con sorpresa

Nasconde “piante” di marijuana

Sequestrate dalla Finanza che le ha individuate con l’elicottero

Complessivamente erano 16 per un peso di 20 chilogrammi

Nell’ambito dei servizi di controllo del territorio e dell’intensificazione dei servizi volti anche al contrasto della produzione di sostanze stupefacenti, sono stati eseguiti diversi voli di ricognizione sul territorio comasco, a cura dei militari della Sezione Area della Guardia di Finanza di Venegono (VA), finalizzati all’individuazione di piantagioni di marijuana, occultate all’interno di coltivazioni di cereali.

Nel corso di un’operazione di volo del 25 agosto scorso., condotta mediante l’ausilio dell’elicottero HH412C-Volpe 215, militari delle Compagnie di Como ed Olgiate Comasco, con la Sezione Aerea della Guardia di Finanza hanno individuato e sottoposto a sequestro 16 piante di canapa indiana del peso complessivo di 20 chilogrammi circa e alte in media un metro e mezzo.

I militari, attivati a seguito dell’avvistamento dall’alto di un terreno adibito alla coltivazione di piante di granoturco, con all’interno diverse aree rase ed unità vegetative di colore differente rispetto alle piantumazioni circostanti, hanno eseguito una ricognizione verificando l’effettiva esistenza della piantagione.

La coltivazione di marijuana, all’interno di zone agricole adibite a colture “legali”, è una pratica diffusa in questo periodo dell’anno, motivata dalle buone condizioni climatiche, prodromiche ad uno sviluppo considerevole del principio attivo psicotropo (THC) e dall’altezza delle piante circostanti, che rendono pressoché impossibile individuare eventuali piantumazioni, se non con l’ausilio di mezzi aerei.

Al termine delle operazioni di polizia, le piante sono state estirpate e sequestrate, come disposto dal Sostituto Procuratore di turno alla locale Procura della Repubblica, mentre sono tuttora in corso di identificazione gli autori del reato.


© RIPRODUZIONE RISERVATA