Fermo in strada per fare un bisognino  Multa da 3.300 euro a un pensionato
Il municipio di Guanzate, sede del comando della polizia locale

Fermo in strada per fare un bisognino

Multa da 3.300 euro a un pensionato

Cirimido, per i vigili che lo hanno sorpreso in flagranza
si tratta di atti osceni in luogo pubblico

Una multa da oltre tremila euro (3.300 euro per l’esattezza) per aver fatto pipì sul ciglio della strada: è successo a un pensionato di 70 anni residente in provincia sorpreso dai vigili del comando intercomunale “Bassa piana comasca” mentre stava espletando il classico bisognino.

Per l’occasione classificato dagli agenti che lo hanno sorpreso come “atti osceni in luogo pubblico” e quindi un reato depenalizzato, ma comunque sanzionato pesantemente. Al punto che la sanzione in questione può arrivare a 10 mila euro.

La Strada di Mezzo, luogo in cui si è verificato il misfatto, è controllata praticamente ogni giorno dai vigili che fanno capo ai Comuni di Guanzate, Cirimido, Fenegrò, Lurago Marinone e Veniano, per evitare l’abbandono di rifiuti da una parte (l’ultimo episodio nei giorni scorsi con tanto di multa da 600 euro al maleducato di turno), e per scoraggiare la presenza di prostitute e spacciatori dall’altra.

Una vicenda destinata a far discutere visto che la colpa del pensionato sarebbe stata quella di non essersi allontanato di qualche metro dall’auto inoltrandosi nel bosco, nascosto così alla vista degli automobilisti di passaggio.

E degli stessi agenti. «È un’area che stiamo abitualmente tenendo d’occhio - spiega il commissario capo Alessandro Casale – proprio perché ci sono stati segnalati diversi problemi. Il reato contestatogli, che è stato depenalizzato, prevede sanzioni che possono andare sino a 10 mila euro».


© RIPRODUZIONE RISERVATA