Gironico, l’incendio alla Blunotte  «Ho pianto. Ma non mi arrendo»
Un’immagine dell’incendio che si è sviluppato nella notte tra sabato e domenica nella sede di Gironico della società

Gironico, l’incendio alla Blunotte

«Ho pianto. Ma non mi arrendo»

Parla Giovanni Costantino, il titolare di Blunotte, dopo il rogo della sua azienda. Distrutti otto furgoni e danni per circa 800 mila euro

«Ho pianto, ma vado avanti». Così Giovanni Costantino, titolare della società Blunotte Eventi srl, dopo l’incendio doloso ai danni della sua azienda e della SunLake Catering di cui è socio, entrambe con sede a Gironico in via Leonardo da Vinci. Nella notte tra sabato e domenica, due persone incappucciate – riprese dalle telecamere della zona prima che scoppiasse l’incendio – hanno appiccato il fuoco a otto furgoni a noleggio parcheggiati nel cortile delle due aziende, andati distrutti. Danneggiato anche lo stabile, sia pur agibile e danni stimanti in circa 800mila euro. Una vicenda per la quale è stata aperta un’inchiesta per incendio doloso.

«Escludo una matrice mafiosa perché non abbiamo mai avuto richieste di denaro, né alcuna forma di minaccia. Se avessero voluto farci una intimidazione, non ci avrebbero messo in crisi, bruciando otto furgoni e rallentando così la mole di lavoro che abbiamo – sostiene Costantino – Non ci spieghiamo il motivo. Non siamo un’azienda che fa appalti pubblici. Operiamo in ambito privato nell’organizzazione di eventi, matrimoni, feste esclusive. Non abbiamo nemmeno una concorrenza tale che possa essere così agguerrita alla quale possiamo dare fastidio. È un puro dispetto pianificato, ma non so il motivo».


© RIPRODUZIONE RISERVATA