L’anestesista killer  sospeso per la droga  E l’ospedale sapeva
Leonardo Cazzaniga portato fuori dall’ospedale di Saronno dopo l’arresto

L’anestesista killer

sospeso per la droga

E l’ospedale sapeva

Le intercettazioni. Cazzaniga: «Devo disintossicarmi». E così chiese un periodo di pausa: «Sto esagerando». Il direttore sanitario di Saronno ne parlò con un collega

«Su quella roba lì fu corretto, perché mi disse: io ho questo problema...». Il problema ammesso da Leonardo Cazzaniga, il “medico killer” di Rovellasca, era la droga. Cocaina, per la precisione. E i vertici dell’ospedale di Saronno lo sapevano.

Intercettati in ufficio, alle 22 del 3 luglio 2015 il direttore medico Paolo Valentini e il direttore sanitario Roberto Cosentina parlano dell’assenza dal lavoro di Cazzaniga. «Questo scemo va in giro a dire che lui è l’angelo della morte - sbotta Cosentina - Devo verificare una roba, quando lui ha preso malattia, è rientrato dopo due o tre mesi, è passato dal medico competente?». Poi, annotano gli inquirenti, aspira forte con il naso simulando una sniffata, per sintetizzare il motivo del periodo di malattia chiesto dal medico del Pronto soccorso.

L’articolo completo su La Provincia in edicola

© RIPRODUZIONE RISERVATA