L’emergenza non blocca i fumetti  Ogiate conferma il concorso
La premiazione dell’edizione 2019

L’emergenza non blocca i fumetti

Ogiate conferma il concorso

Il “Comics Contest” rilancia: proroga al 30 maggio per consegnare i lavori: «Distrazione per i ragazzi in quarantena». Premiazioni da definire nel parco della biblioteca

“Olgiate comics contest” si farà e sarà ancora più green. Nessuna sospensione in vista per la terza edizione del concorso di fumetti, quest’anno incentrata sul tema: “No Planet B”. Argomento che invita a riflettere e prendere posizione sulla grande questione dei cambiamenti climatici e delle scelte per proteggere la Terra.

L’emergenza sanitaria in corso, che ha portato alla cancellazione di eventi e manifestazioni di ogni genere, aveva fatto supporre un analogo epilogo anche per il concorso per giovani talenti del fumetto, organizzato dall’assessorato alle politiche giovanili e dalla biblioteca.

«Vista la situazione io e il vicesindaco e assessore alla Cultura Paola Vercellini, insieme a Giuliana Casartelli (responsabile della biblioteca) e al team della biblioteca, abbiamo testardamente deciso che questa edizione andava fatta nonostante la pandemia di Covid-19 incombesse sul nostro quotidiano – dichiara Davide Palermo, consigliere con delega alle politiche giovanili .

«Il tempo ha completamente cambiato forma nella vita di tutti noi - aggiunge - e di una cosa siamo certi, sicuramente non manca per potersi concentrare sulla creazione di qualcosa di originale e prezioso».

Concorso confermato, ma giocoforza riadattato alla nuova situazione. «Abbiamo modificato il regolamento e posticipato la consegna delle tavole e la scadenza del concorso al 30 maggio, anziché al 30 aprile – spiega Palermo - Nel mese di giugno inizierà la virtual gallery sui siti e pagine social istituzionali del Comune di Olgiate Comasco e della biblioteca dove si potrà gustare la bellezza di tutte le opere, zoomando su ogni minimo particolare, e votare la vincitrice».

Si prospetta anche qualcosa di innovativo e originale per la premiazione (la data è ancora da stabilire), che si era sempre tenuta al chiuso. «Per lapremiazione abbiamo pensato a qualcosa di diverso, rispetto alle scorse edizioni – conferma Palermo - Il parco di villa Camilla potrebbe essere un palcoscenico-giardino di tutto riguardo».


© RIPRODUZIONE RISERVATA