Limido, dopo liti e botte  Pace con la partita di calcio
I ragazzi che hanno partecipato alla partita di riappacificazione

Limido, dopo liti e botte

Pace con la partita di calcio

Successo di “Insieme per un gol”, l’incontro amichevole voluto dopo gli screzi

Una sfida solo sul campo, per una volta davvero amichevole. Senza liti.

“Insieme per un gol” è stato lo slogan coniato in occasione della partita organizzata l’altra sera dal Comune per far scendere nuovamente in campo, con uno spirito però stavolta pacifico e amichevole, i 7-8 ragazzini delle scuole medie che settimana scorsa, proprio sul rettangolo dell’oratorio di viale Rimembranze, avevano avuto qualcosa di più di una vivace discussione su chi dovesse giocarci.

In un pomeriggio come tanti, il punto aggregativo giovanile aveva finito per diventare teatro di una movimentata “resa dei conti”, con da una parte un gruppetto di giovanissimi italiani e dall’altra dei ragazzi marocchini e senegalesi. Oltre a picchiarsi, i ragazzi si erano pure tirati dei sassi, con uno dei giovani contendenti rimasto ferito in maniera lieve ad uno zigomo, con il rischio però che potesse farsi male ad un occhio.

Un episodio che aveva suscitato sconcerto e preoccupazione, anche perché già in passato c’erano già stati degli altri screzi.

Ma l’altra sera in campo sono scesi circa venti giovanissimi, con il sindaco Danilo Caironi, assieme ai consiglieri comunali Davide Pagani e Francesco Cattaneo. Presenti alla serata, oltre alle famiglie dei giovani e ad alcuni curiosi, anche i carabinieri e il parroco don Walter Zatta. A confrontarsi sono state due squadre naturalmente miste, una con la pettorina gialla e un’altra con quella azzurra, ad avere la meglio sono stati i gialli per 12 a 8.

Ma la vera vittoria è arrivata dalla voglia di stare tutti quanti assieme, dei ragazzi e delle loro famiglie, in allegria e in amicizia.


© RIPRODUZIONE RISERVATA