Lurago Marinone, altro incidente
«Serve la rotatoria in via Vittorio Veneto»

Ennesimo scontro in un punto in cui da anni il Comune chiede un intervento. Il sindaco: «Lo studio di fattibilità è pronto da tempo, la Provincia deve decidersi a realizzarlo»

Lurago Marinone, altro incidente «Serve la rotatoria in via Vittorio Veneto»
Uno dei tanti incidenti che si sono verificati sulla Provinciale a Lurago Marinone

La Bassa comasca chiama ancora la Provincia per mettere in sicurezza le rotatorie della strada provinciale 32.

Nello scorso fine settimana, in via Vittorio Veneto (il tratto locale dell’arteria intercomunale), all’altezza della rotatoria con precedenza non all’europea, si è infatti verificato l’ennesimo incidente stradale. Da una prima ricostruzione di quanto accaduto, nel tamponamento, avvenuto tra due auto, sono rimaste coinvolte una donna di 43 anni e un uomo di 53 anni. Sul posto sono intervenuti la Croce Rossa di Lomazzo, assieme ai vigili del fuoco di Como.

Le condizioni degli automobilisti rimasti feriti si sono poi rivelate meno gravi di quanto si era inizialmente temuto e non è stato necessario disporne il trasporto in ospedale per essere sottoposti a altri controlli medici. I carabinieri di Cantù, a propria volta intervenuti, hanno nel avviato le indagini necessarie a ricostruire l’esatta dinamica del sinistro e accertare le responsabilità delle persone coinvolte.

A riproporsi ancora una volta è quindi il problema delle tre pericolose rotatorie sulle provinciali nei Comuni di Lurago, Fenegrò e Cirimido. Le rotonde della Bassa comasca non all’europea hanno infatti suscitato a più riprese allarme e preoccupazione da parte della cittadinanza, a causa anche del frequente verificarsi non solo di incidenti ma anche di situazioni potenzialmente a rischio per quanto riguarda la sicurezza stradale. In paese, tra la cittadinanza, c’era persino chi si era detto pronto a promuovere una raccolta di firme per chiedere alla Provincia un intervento mirato a mettere in sicurezza il pericoloso snodo.

L’articolo completo su La Provincia in edicola oggi, 18 gennaio

© RIPRODUZIONE RISERVATA