Olgiate, abbandona i rifiuti  Ripreso dalla telecamera: multato
L’auto “beccata” dalla telecamera, dopo aver scaricato i rifiuti

Olgiate, abbandona i rifiuti

Ripreso dalla telecamera: multato

Un uomo di Lurate aveva scaricato scarti edili ed è stato individuato e rintracciato dalla polizia locale. Il comandante: «Facciamo controlli anche nei sacchi»

“Furbetto” dei rifiuti incastrato dalla telecamera mobile. La polizia locale, grazie alle immagini registrate dal box mobile che da un paio di mesi è installato in zona “variantina” - tristemente nota per i frequenti episodi di scarichi selvaggi – ha rintracciato e identificato l’autore di uno di questi abbandoni di rifiuti. In viale Trieste, nei pressi della rotatoria, sono stati scaricati in un bosco privato del cartongesso, un sacchetto contenente della plastica e pezzi di ferro.

Un cumulo di modesta entità, abbandonato in un punto dove l’”inquinatore” di turno pensava di non essere visto da anima viva. Non ha fatto però i conti con l’occhio elettronico del box mobile.

«La telecamera ha ripreso il passaggio dell’auto – spiega Mario Fioravanti, comandante della polizia locale – Nelle immagini si vede prima la vettura carica e poi vuota, di ritorno dal luogo dove i rifiuti sono stati abbandonati. Attraverso la targa dell’auto siamo risaliti alla proprietaria del mezzo. Contattata, ha dichiarato che il responsabile del conferimento era il marito. L’abbiamo convocato al comando e, di fronte alle immagini riprese dalla telecamera, ha ammesso il fatto».

Si tratta di un uomo di 65 anni di Lurate Caccivio che, il 7 marzo alle 11, si è addentrato in un bosco privato per scaricare il materiale di risulta di alcuni lavori edili domestici. Gli è stata verbalizzata una multa di 50 euro. Rintracciato e sanzionato, ha poi rimosso quanto aveva gettato nel bosco. «Come polizia locale siamo impegnati con costanza nel monitoraggio del fenomeno degli scarichi abusivi di rifiuti – rimarca il comandante – Controlliamo anche nei sacchi, ma non sempre si riesce a risalire agli autori degli abbandoni di rifiuti».


© RIPRODUZIONE RISERVATA