Olgiate: il semaforo “sempre” rosso  «L’incrocio killer sarà più sicuro»
Il punto dove lo scorso luglio fu investito e ucciso Pietro Zanonini

Olgiate: il semaforo “sempre” rosso

«L’incrocio killer sarà più sicuro»

Dopo l’investimento mortale del luglio scorso, la Provincia interviene

Baruffini: «Sperimenteremo il nuovo impianto, il verde scatta per chi rispetta i limiti»

Via libera della Provincia all’installazione di un semaforo, sempre rosso, per la messa in sicurezza dell’attraversamento della Garibaldina, all’intersezione con via delle Robinie (Olgiate Comasco) e via Volta (lato Faloppio). Tratto stradale molto pericoloso, teatro di numerosi incidenti, fra cui l’investimento mortale, nel luglio dello scorso anno, di Pietro Zanonini, 74 anni, titolare del bar Sole.

L’apparecchio è l’opposto dei dispositivi “spezza-velocità” più diffusi, dotati di rilevatore di velocità che fa scattare il rosso per bloccare chi supera il limite di velocità. «I semafori nei quali scatta il rosso all’arrivo di auto troppo veloci non sono a norma di legge – precisa Mirko Baruffini, consigliere provinciale e vice sindaco di Uggiate Trevano – Abbiamo trovato l’escamotage di un semaforo che da rosso passa a verde, quando ci si avvicina all’impianto entro i limiti di velocità consentiti. Mi sono stati promessi tempi brevi per sopralluogo e preventivo, poi si affronterà la questione della copertura delle spese, partendo dall’accantonamento dei due Comuni».

Da spostare

Come inizialmente previsto, l’attraversamento pedonale sarà arretrato verso il supermercato e in corrispondenza del “nuovo” passaggio pedonale sarà posizionato il semaforo intelligente. Si valuterà se piazzare anche un semaforo di richiamo prima della strettoia provenendo da Como, come era previsto.


© RIPRODUZIONE RISERVATA